Mancano poco meno di due mesi alle elezioni amministrative che eleggeranno il prossimo Sindaco di Nardo.
Sarà una bella sfida, per me nuova dopo tanti anni di militanza politica, di gavetta, e la presenza costante sul territorio.
Sarei onorato di poter rappresentare la mia città, i miei concittadini, nelle Istituzioni.
La scelta presa è detta dall’amore che nutro verso Nardò e dall’innata passione per la politica, in cui voglio continuare a credere (nonostante ogni giorno dia prova del peggio di sé).

Sono nato e cresciuto in Fratelli d’Italia, più precisamente nel giovanile, Gioventu Nazionale, di cui faccio parte e che è il mio orgoglio più grande.
Proprio per questo mi rammarica molto che il partito non abbia fatto qui la lista , quindi non sarà presente a Nardò il nostro simbolo in questa tornata elettorale.
Sono di fatto orfano della mia casa politica e non per mia scelta. Ritengo sia una mancanza molto grave, un vuoto politico rilevante che subisco, perché Nardò dopo Lecce è il comune più grande della provincia e per un partito come Fdi sarebbe stato un diritto e al contempo un dovere partecipare a questa competizione.
Ne ho preso atto e sono andato avanti da solo.
Credo nei principi e nei valori di destra e oggi quello che considero ancora il mio partito (anche se a casa mia di fatto non esiste più )è il primo in Italia per indice di gradimento.
Se ripenso a quando ho iniziato non mi sembra vero, eravamo al 2,5 % , neanche la mia mamma ci credeva, e oggi siamo al 20%!
È stato, e continua quotidianamente ad esserlo, immenso il lavoro svolto da Giorgia Meloni.
Inoltre il movimento giovanile, che prima citavo e di cui mi onoro di essere il vice presidente provinciale, non è da meno: negli ultimi due anni abbiamo espresso ben tre consiglieri comunali nei comuni di Lecce, Miggiano e Racale. Spontaneamente il pensiero va al rinnovamento della classe politica del centro destra , di cui spesso sento parlare .
Mi domando se non si comincia cercando di valorizzare i giovani come ci sarà l’auspicato ricambio generazionale ?
Lo dico da parte in causa: c’è bisogno di fiducia, di guadagnarsi il futuro lavorando, sbagliando e crescendo sul campo, di tempo ma è necessario ricominciare.

Pippi Mellone è un esempio, giovane e di buon governo, capace di far finanziare progetti per la città : in soli 5 anni oltre 35 milioni di euro per la realizzazione di opere pubbliche.
La viabilità nelle marine è in una fase di profondo cambiamento per fare un esempio concreto a riguardo .
Dovremmo avere un po’ più di pazienza e fiducia , la stessa che abbiamo avuto noi commercianti isolati in questi ultimi due anni nelle stagioni invernali e autunnali per colpa delle restrizioni anti covid.
Si perché per me la politica è un impegno che accompagna quello del lavoro. Tutti i giorni gomito a gomito con la mia famiglia per portare avanti la nostra attività.

Il mio impegno per Nardó, al di là del risultato delle prossime amministrative, sarà sempre al massimo delle mie possibilità e potenzialità, costantemente attivo e disponibile per i miei concittadini .

Credo nella politica e ci voglio provare !

Federico Felline
Candidato al Consiglio Comunale
Lista :
LIBERI POPOLARI
con PIPPI MELLONE SINDACO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.